Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘CGIL’

Gli italiani sono migliori, come cultura, buon senso, onestà, competenza di chi ambisce a governarli. Lo hanno dimostrato coi referenda su acqua e nucleare; lo confermano ogni qual volta vengono consultati. Il nuovo ministro della PI (quello che non smantella le assurdità Gelmini, ma vorrebbe imporre il tablet ai bimbi, alla faccia della loro salute visiva e della loro abilità a sfogliare un libro!), credeva di avere consenso con la snobbistica abolizione del valore legale del titolo di studio. Bocciatura: gli italiani ci tengono.

Abbiamo già dialogato, in questo blog, degli aspetti pratici e culturali del tema. Ma vediamo quelli politico-sociali. In un paese nel quale un Potente-Politico può regalare posti senatoriali, ministeri, direzione di imprese a partecipazione statale, a leccapiedi e escort, almeno non può far dono di posti di primario, professore di liceo, provveditore ai beni culturali,  ingegnere responsabile di costruzioni etc etc, perché lì, la laurea, col suo valore legale, è indispensabile.. E ciò non solo tutela i cittadini di non avere un primario non laureato o un insegnante di latino che non ricorda rosa rosae, ma è una garanzia per chi gli studi li ha seriamente e faticosamente condotti. Oltre un certo limite, le raccomandazioni non valgono! E chi ha preso una laurea in una università pubblica o in una dignitosa università privata (più o meno illustri che siano, che poi spesso si tratta più di fumo che di sostanza!), un certo grado di competenza lo deve avere, perché una trentina di esami non si superano senza studiare. Ciò ovviamente, è più importante per il figlio dell’operaio che per quello del notabile. Non per nulla, la CGIL è favorevole al valore legale del titolo di studio, la stampa berlusconiana contraria. Ma l’atteggiamento di giornalisti come Feltri rappresenta – se ce ne fosse bisogno – la prova del nove del nostro assunto.

GdC

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: