Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Testamento biologico’ Category

 

Ho contato, finora, tre tipi di testmento.

Uno: quello col quale il morituro (anche nel lungo periodo) dispone le sue volontà circa la successione ereditaria dei propri beni.

Due: quello con cui ogni cittadino è stato, anni fa – e oggi, tramite campagna televisiva e radiofonica – invitato a dichiarare la disponibilità a donare, dopo la morte, i propri organi vitali a quanti, fra i vivi malati in lista di attesa, ne abbiano necessità.

Tre: quello “biologico”, che dovrebbe poter sancire la volontà di essere o meno sottoposto a terapie in caso di nell’eventualità in cui dovesse trovarsi – copio da Wikipedia, voce Dichiarazione anticipata di trattamento – “nella condizione di incapacità di esprimere il proprio diritto di acconsentire o non acconsentire alle cure proposte (consenso informato) per malattie o lesioni traumatiche cerebrali irreversibili o invalidanti, malattie che costringano a trattamenti permanenti con macchine o sistemi artificiali che impediscano una normale vita di relazione”.

Sul Tre: da molte parti – al netto dell’opposizione della Chiesa cattolica – si mette in discussione la validità di una decisione presa in condizioni di vita piena, normale, completa, sana: siamo certi, si chiede, che di fronte a una malattia grave il soggetto confermerebbe di voler essere lasciato morire?

In effetti il registro dei testamenti biologici servirebbe proprio a eliminare questo atroce dubbio, dando corso alla decisione di chi vuol essere lasciato andare (nell’Aldilà, nel Nulla, in un Altro Essere Vivente, dai Propri Cari o altrove. a seconda del proprio convincimento).
Chi cambiasse idea potrebbe, finché fosse in possesso delle facoltà di intendere e di volere, modificare la propria dichiarazione.
Senza creare scandalo, senza violare leggi.

Per i beni si può fare, per gli organi si può fare; per il corpo no, non si può fare.

 

barbara

Read Full Post »

Il circolo Aniasi partecipa alla raccolta di firme per la presentazione di una proposta di iniziativa popolare per la creazione, presso il comune di Milano, del Registro delle Dichiarazioni anticipate di trattamento sanitario.

Se la delibera sarà ritenuta ammissibile saranno necessarie cinquemila firme autenticate di cittadini milanesi perché essa possa essere discussa in consiglio comunale.

Il circolo si trova in corso Garibaldi 75 ed è aperto dalle 16,00 alle 19,00, dal lunedì al sabato.

Per tutte e informazioni sull’iniziativa del comitato promotore, “Io scelgo”, rimandiamo al loro sito: www.ioscelgo.info.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: