Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘elezioni amministrative’ Category

Risultato importante per noi…  Però mi sento di fare un monito:  abbiamo vinto, sì, ma il PD va comunque ricostituito, partendo dalla base.

Non addormentiamoci su questo risultato e   gli onorevoli si risparmino frasi come ” Il governo ne esce rafforzato”, per favore.

 

Guardando in casa degli altri, Treviso al PD, che stia arrivando l’epilogo della Lega?

 

 

PaL

Read Full Post »

Apro una parentesi sul weekend elettorale.
Domani, domenica 26 giugno e Lunedì 27 sono chiamati al voto sette milioni di Italiani, per l’elezione dei sindaci e dei consigli comunali di 564 comuni.
La grande novità è che si potranno esprimere 2 preferenze : una per un candidato di sesso femminile ed l’altra per un candidato di sesso maschile.

A Bologna, i cittadini sono invece chiamati ad esprimersi su un quesito referendario sulle scuole d’infanzia.
Si tratta di un referendum consultivo perciò i risultati non avranno alcun effetto diretto ma, come è accaduto nelle ultime settimane, farano comunque discutere.
Il quesito referendario recita : “Quale, fra le seguenti proposte di utilizzo delle risorse finanziarie comunali, indicate in euro 955.500 + 100.000 per l’anno scolastico 2011-2012 nella deliberazione di Consiglio Comunale PG. N. 203732/2011 approvata il 27/09/2011 secondo il vigente sistema delle convenzioni con le scuole d’infanzia paritarie a gestione privata, ritieni più idonea per assicurare il diritto all’istruzione delle bambine e dei bambini che domandano di accedere alla scuola dell’infanzia ?
A) utilizzarle per le scuole comunali e statali
B) utilizzarle per le scuole paritarie private
Il comitato referendario, “Nuovo Comitato Art. 33”, chiede di votare A.
Chiede di votare B chi vuole che le cose restino così come sono.
Il dibattito è stato molto acceso. Il centro sinistra si è spaccato (strano). Grandi personalità si sono espresse in merito.
La questione rimane molto delicata.
Essenziale, prima di cercare di farsi una idea a riguardo, è partire dalla lettura dell’articolo 33 della nostra Carta Costituzionale.
Art.33 co.3 Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.
Il “senza oneri per lo Stato”, del terzo comma art. 33 Cost, rappresenta la chiave di volta, per i promotori del referendum.
I continui tagli alla scuola pubblica e l’aumento dei fondi alle scuole paritarie private rappresenta senza dubbio un problema di rilievo nazionale, questo è innegabile. Bisognerebbe però fare attenzione a non fare di questo referendum il campo di questa diversa (giustissima e a mio parere anche urgente ) battaglia, che forse riguarda appunto più l’ Italia di quanto non riguardi Bologna stessa.
Nel pronunciarsi su questo referendum c’è dunque fare lo sforzo di concentrarsi esclusivamente sulla realtà bolognese e chiedersi quali sarebbero gli effetivi risovolti dei taglio dei finanziamenti ai privati, a Bologna. Sarebbero le scuole comunali e statali, da sole, in grado di rispondere alle esigenze delle famiglie? Perchè il rischio è che tuto finisca per avere risvolti negativi a scapito delle famiglie, e basta.

Chiudo con un grande In Bocca al Lupo a tutti i candidati sindaci del centrosinistra ed in particolare ad Ignazio Marino, candidato sindaco della nostra capitale.

PaL

Read Full Post »

 

Domenica 17, alle 14,30, in piazza del Duomo a Milano.

Bersani, Ambrosoli, Vendola, Pisapia e Tabacci insieme per la “pre-chiusura” della campagna elettorale.

Pre- perché rimane un’altra settimana per volantinare, incontrarsi e discutere. Per provare a cambiare.

 

barbara

Read Full Post »

Sono quelle che Francesco Laforgia, coordinatore del PD milanese, lancia dalle colonne de “L’Unità” del 1. giugno.

Ala luce dei risultati delle recenti elezioni amministrative e dell’elezione – giusto un anno fa – di Giuliano Pisapia a sindaco della città (ex) capitale del berlusconismo, Laforgia propone una riflessione sul passato e tre idee per il futuro.

La riflessione su ciò che è stato:  il PD ha vinto dove saputo superare le divisioni interne e far proprio un messaggio di cambiamento e partecipazione.

Le idee sul futuro del PD:
1. Elezione dei parlamentari da parte degli iscritti e degli elettori. Il 50% da parte degli iscritti, per inverare i concetti di partecipazione e  di responsabilità che fanno di un partito una formazione dotata di senso. Il 50% da parte degli elettori, perché un partito ha un senso solo se è aperto.
2. Creazione dei “Comitati per l’Italia”, luoghi di discussione sul PD, seguiti fra settembre e novembre da assemblee territoriali che si esprimano sull’idea di Europa, sulla crisi e sulla riforma della politica per contribuire alla definizione della linea del PD.
3.  Totale rinnovamento della compagine che chiederà il voto alle prossime elezioni politiche.

A margine, la richiesta di fare di Milano uno dei luoghi chiave della campagna elettorale. Per ripartire sulla scia di un vento che qui è già cambiato.

L’articolo completo

Read Full Post »

Riportiamo il commento di Federico Geremicca su La Stampa dell’8 maggio e quello di Ugo Magri, sempre su La Stampa ma del 10 maggio.

Entrambi gli editoriali ci dicono che, per un verso o per l’altro, il solo partito strutturato rimasto in vita è quello democratico. Che tiene botta, schiaffoni post primarie a parte, e che può avvantaggiarsi del sistema elettorale vigente. Mentre il PDL si dibatte fra la voglia di mollare il governo e la desolante constatazione di aver rotto l’alleanza con la Lega senza averne costruita una con i centristi. Mentre Casini, dopo essersi reso conto che gli alleati Rutelli e Fini non sono affidabili, deve solo sperare che il governo Monti regga. Ma che futuro gli si prospetta, a legge elettorale vigente? Un’alleanza da mendicanti col PD o un ritorno al PDL. Ma senza Berlusconi.

Read Full Post »

Google suggest è un meccanismo talvolta utile, talaltra fastidioso. Sempre interessante.
A chi inserisca uno o più termini di ricerca, il motore provvede sollecito a proporre a mo’ di completamento le parole più cercate dagli utenti. Scrivi “ap” e ti propone “apple”, scrivi “ris” e ti suggerisce “risultati serie a”.

Scrivi “scandali r” e cosa ti ritrovi in prima posizione? “Scandali regione Lombardia”.
Ciò dimostra che i lombardi usano molto Internet, e che sono interessati a cosa succede nei pirelloni che li governano.

Su ottanta consiglieri regionali, dieci sono sotto inchiesta. I capi di imputazione vanno dai rapporti con la ‘ndrangheta alla corruzione, dal finanziamento illecito ai partiti, dalla corruzione al favoreggiamento della prostituzione, dal dossieraggio alla turbativa d’asta.

Di motivi per usare i motori di ricerca, e per leggere i giornali, ce n’è abbastanza. Come anche per anticipare la scadenza elettorale.

Read Full Post »

Nelle more dell’elezione del nuovo Presidente e della convalida degli eletti, che avverrà nella prima seduta di Consiglio, previa verifica delle cause di incandidabilità,incompatibilità, ineleggibilità ed acquisizione di eventuali rinunce, si pubblica l’elenco dei nuovi consiglieri eletti come da verbale del 18 maggio 2011 con cui l’Ufficio Elettorale Centrale ha proclamato gli eletti.
Si comunica che il consigliere anziano, cioè colui che nelle elezioni ha ottenuto la maggior cifra individuale, costituita dai voti di lista più i voti di preferenza, è la Sig.ra Goren Monti Micaela cui compete la convocazione della prima adunanza del Consiglio.

Il prossimo Consiglio di Zona è convocato in seduta ordinaria martedì 14 giugno 2011 dalle h. 19.00 alle ore 20.30, presso la sede del Consiglio di Zona 1 sito in via Marconi, 2.

Consiglieri eletti:

• ABDU ISMAHIL MATTIA IBRAHIM ABDU – PARTITO DEMOCRATICO
• AMBROSI BRUNO EUGENIO – SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’
• ARRIGONI FABIO – PARTITO DEMOCRATICO
• BELLOTTI ELISABETTA ANGELA – LEGA NORD
• BESANA FULVIO – ITALIA DEI VALORI
• CANEPA MARIAMADDALENA MADELA – PARTITO DEMOCRATICO
• CAPIRCHIO DONATELLA – PARTITO DEMOCRATICO
• CAPPATO MARCO – LISTA BONINO – PANNELLA
• CASTELBARCO ALBANI MARIA FRANCESCA CIGARINI – PARTITO DEMOCRATICO
• D’ONOFRIO STEFANO – SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’
• DELLA TORRE AMEDEO – IL POPOLO DELLA LIBERTA’
• DI GENNARO SIMONE MARIA – CASINI UNIONE DI CENTRO
• FASULO FILIPPO – IL POPOLO DELLA LIBERTA’
• FOSCHI LUCA – PARTITO DEMOCRATICO
• GOREN MONTI MICAELA – IL POPOLO DELLA LIBERTA’
• GRANDI ELENA EVA MARIA ELENA – VERDI VERDI ECOLOGISTI
• MARTINELLI GIULIA – LEGA NORD
• MARZOTTO CAOTORTA DOMENICO – PARTITO DEMOCRATICO
• ORLANDI SIMONE FRANCESCO – IL POPOLO DELLA LIBERTA’
• PALLI ANASTASIA MUSCARDINI – NUOVO POLO PER MILANO
• PATACCINI RENATO – RIFONDAZIONE COMUNISTI ITALIANI
• PORTALE MANUEL BENEDETTO – LISTA CIVICA MILLY MORATTI
• SANNAZZARO NATTA FILIPPO – PARTITO DEMOCRATICO
• SCARAMUCCI CRISTINA SANAVIO – LEGA NORD
• SELMI GIACOMO – PARTITO DEMOCRATICO
• SITIA LORENZO LEOPOLDO – PARTITO DEMOCRATICO
• TESTORI ANTONIO – IL POPOLO DELLA LIBERTA’
• VECCHIONE DAVIDE – PARTITO DEMOCRATICO
• VENTURI GIAN PIETRO – IL POPOLO DELLA LIBERTA’
• VIOLANTE SERGIO PASQUALE ANTONIO – PARTITO DEMOCRATICO
• ZAZZA MARCO – IL POPOLO DELLA LIBERTA’

http://www.comune.milano.it/portale/wps/portal/CDM?WCM_GLOBAL_CONTEXT=/wps/wcm/connect/contentlibrary/In+Comune/In+Comune/I+Consigli+di+Zona/Zona+1/

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: