Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Cooperazione internazionale’ Category

Coloro i quali operano nel mondo tecnico-scientifico e ne considerano nitidamente metodologia, teorie, idee, sanno che i tecnici puri non esistono. Una recente conferma di questa asserzione viene dalla recente controversia fra fautori ed avversari delle centrali nucleari, fra i quali figuravano, da ambo i lati, persone competenti – o asserite tali – del settore, prima che il referendum popolare rendesse oziosa la querelle.

Pertanto, chi sceglie un tecnico prefigura una scelta di orientamento; nel caso in specie, una scelta politica.

Il prescelto per lo sviluppo, navigando fra pubblico e privato, non ha lasciato alle Poste tracce positive che noi, utenti, potessimo rilevare; l’Alitalia, compagnia di bandiera fantasma, pesa sulle nostre spalle di utenti e di contribuenti, mentre un indubbio sviluppo egli ha impresso alle proprie finanze, se è vera la voce che avrebbe appena smesso di guadagnare, in banca, una cifra dell’ordine di grandezza di un miliardo delle vecchie lire al mese.
Per le infrastrutture, ci risulta che strade, linee ferroviarie, ponti, gallerie, telecomunicazioni  riconoscano, come tecnici, gli ingegneri, o fors’anche i fisici: ci viene in mente il nome di Rubbia – uno dei pochissimi premi Nobel italiani, che nessun governo, né di destra né di sinistra, ha valorizzato, forse perché le persone di spirito indipendente, in Italia, non sono amate.

Molte sono le organizzazioni non governative che si occupano di cooperazione internazionale, ma la scelta – chissà come mai – è caduta su una di stretta osservanza vaticana. Trarrà conforto dalla presenza di un altro cattolico “strutturato”, che è stato prescelto ai molti valenti archeologi, studiosi dell’arte, sovrintendenti di musei ed aree archeologiche, per i beni culturali.

Le Note su questo blog hanno una virtù accertata… quella di essere brevi.

Perciò ci fermiamo qui, ed attendiamo i discorsi di “investitura”.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: