Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2014

La abbiamo mantenuta per mezzo secolo, le abbiamo regalato Alfa e Lancia, perché andassero a remengo.

Ora se ne vanno col malloppo: Sede Olanda, tasse Inghilterra, azioni Usa. Ci restano Agnelli Elkann, ai quali potremmo, con dolore, rinunciare.

Letta dice: che bello, siamo mondializzati. Importante è che resti  produzione. Quale? In Italia le Fiat non si vendono. Chi, come me, voleva comprare italiano, non ha motivondi comprare Fca. Chi amava lo stile italiano, certo non comprerà carrozzoni americanoidi. Modelli nuovi? Chimere. E cosa faranno in Italia! Auto da vendere in Brasile? Improbabile. Ma ormai il delirio  liberista ha preso anche la sinistra, quindi accetteremo tutto.

Serracchiani si agita per Electrolux e Letta molla Fiat. Incredibile!

GdC

 

Annunci

Read Full Post »

Ho sempre avuto l’idea di una persona efficiente, chiara nelle idee e nella loro esposizione.

Non sapevo dei 20 incarichi; tanto meno di quello allOspedale israelitico, ove  non è chiaro che competenze avesse.

Ora rischia il posto massimo non a causa dell’inammissibilità dei 20 incarichi (lui precisa che sono sei, interconnessi) , ma perché ha dato prestazioni dentistiche, non consentite dal Servizio Sanitario. Illegale, forse, ma sacrosanto: per moltissimi, la spesa dentistica è insopportabile, ed è biasimevole che lo stato non la paghi.

Rizzo ci ricorda che i plurincarichi furono aboliti da una legge di Monti, che Letta ha  circoscritto ai plurincarichi futuri, rimandandola, così, sine die.

Rizzo ci ricorda anche una lista infinita di parenti e amici divenuti, senza titolo, grand commis  – grand commis all’italiana, raccogliticci e nominati sul campo, per meriti particolari, ma pagati da follia, da insulto ai contribuenti, da schiaffo in faccia a chi guadagna con impegno e preparazione uno dtipendio normale.

Spero proprio che Mastropasqua non venga licenziato perché ha detto la verità sulla situazione Inps, contraddicendo qualche ministro allegro E che l storia dell’Ospedale non sia il solito pretesto. D’altronde, stiamo risuscitando Berlusconi politico; tutto divien lecito.

GdC

 

Read Full Post »

Dall’incarnato baby-like, con calza sull’obiettivo, siamo saltati alla grottesca enfatizzazione dei segni del tempo, che passa per tutti.

Scelte personali; ognuno si può tingere i capelli, fare la lampada, mettere e togliere i tacchetti come gli pare.

Ma qui abbiamo un coro di apprezzamenti entusiastici, fino al panegirico del Foglio, dai giornali di Lui. Passi. Meno accettabile lo spazio dato da stampa e TV così detta indipendente e di sinistra. Che coglie l’iniziativa di Renzi, più o meno condivisibile, ma rivolta a fini ragionevoli, per portarlo sotto i riflettori.

Ha fatto campagna acquisti anche lì?

GdC

Read Full Post »

Il servizio peggiorerà (ammesso sia possibile)

Le tariffe aumenteranno.

Manterremo i licenziati.

Guadagneranno gli intermediari strapagati (banche e consulenti, sembra)

Le poste finiranno alle solite quattro famiglie, già benemerite altrove.

Per pudore verrà data una parte dei titoli ai dipendenti. Quanto? Il due per cento!!!! D’altronde, coi loro stipendi, cosa possono comprare?

Il popolo italiano, votando per l’acqua pubblica, già si è espresso a grande maggioranza contro le privatizzazioni.Ma questi due ultimi governi di democratico confermano di aver solo i formalismi.

GdC

Read Full Post »

Tre avvenimenti di grande portata sono in programma.

Il primo è ovviamente quello delle elezioni di Maggio di cui pochi ancora parlano qui da noi. Si rinnoverà il Parlamento e questa volta anche il Presidente della Commissione. Una scelta democratica  quest’ultima, non più mediata dalla nomina dei capi di governo in carica dei 28.  Avanzano intanto inquietanti le spinte “nazionalpopuliste” (A Martinelli, Mal di Nazione, Univ Bocconi Ed, 2013) un po’ dovunque, antieuropee, antieuro e xenofobe di vario grado mentre la sinistra ancora tace.  Si direbbe che non tiri aria buona per la composizione del nuovo Parlamento per ora.

Si terranno poi i referenda di Scozia in Settembre e di Catalogna (pare) in Novembre per decidere della separazione di queste due popoli dai regni rispettivi. I leaders dei movimenti secessionisti che li hanno chiesti insistono entrambi nella loro lealtà verso la UE a cui vogliono conservare l’appartenenza, se pur l’atto di frazionamento ulteriore rimanga e complichi innegabilmente l’integrazione politica del continente in prospettiva. Soltanto i sondaggi, per ora in equilibrio tra i sì e i no, sembrano per ora ipotizzare un esito incerto. Ma la chiamata alle urne potrebbe indurre altre regioni d’Europa ad imitare scozzesi e catalani in un futuro non lontano.

Vi sarà infine il semestre di presidenza italiana della UE a chiudere l’anno. Ho udito Letta ieri sera dirci come il suo governo stia lavorando al programma senza tuttavia offrire dettagli. Iniziative rivoluzionarie non me le aspetto di certo, ma qualche bel progetto di integrazione rafforzata potrebbe pur concordarlo con Francia e Germania già fin da oggi (Matteo permettendo!).

Come diavolo ne uscirà l’Europa tra 12 mesi?

Max

 

Read Full Post »

Il vigile di Acerra, un altro campano esempio per gli italiani.

Alte cariche, personaggi politici, oggi lo salutano.

Dove erano, quando uscivano segnalazionii? Qualcuno, dicono, al ministero degli interni. Altri presidenti di commissioni competenti. ma venivano addirittura nascoste alle popolazioni le risultanze delle inchieste.

Altri di voi, forse, conservano documenti, o ricordano meglio di me.

Si faccia chiarezza.

Chi? Stampa e Magistratura?

I partiti son troppo occupati a bisticciare e teorizzare.

GdC

Read Full Post »

Ve la immaginate la scelta di Genova, Trieste o il golfo di Portofino?

La schifezza  sempre a un certo Sud.

Quasi fosse terreno di conquista, o peggio.

Acciaieria inquinamento style a Taranto; poligono per proiettili pericolosi in Sardegna; discaricavdi residui radioattivi in Calabria (poi sfumata grazie alla resistenza delle popolazioni)

Rischi zero: chi ci crede? Idrolisi: o verrà tutto buttato a mare dalla nave americana? E i cd prodotti di idrolisi da buttare a mare saranno innocui? Tanto c’è il segreto militare.

Però nel Tamigi o nel Potomac i prodotti di idrolisi non li scaricano!

Un sacco di chiacchere da parte di ministri tecnicamente risibili, chiarimenti concreti nessuno

GdC

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: